Chi siamo

iTAM Srl è un’agenzia di comunicazione fondata nel 2009 dalla giornalista professionista Iria Cogliani. E questa è la definizione ufficiale. Noi amiamo andare oltre e definirci un team che riunisce giornalisti e creativi di sensibilità, età, provenienze e competenze diverse, accomunati dalla passione per il mondo della comunicazione nelle sue più svariate espressioni: dal palcoscenico al web.

Cosa vuol dire iTAM?

In tanti ce lo hanno chiesto, nessuno ha indovinato, fino ad oggi. Bene, mettetevi comodi ché vuotiamo il sacco e proviamo a raccontare questa storia (tempo di lettura 90 secondi).

In principio era la comunicazione web, agli albori, ma per Iria – i, per gli assidui lettori delle sue email, in partenza a ogni ora del giorno e della notte – era tutto un internet TAM TAM.  A partire da questo gioco di parole è nata iTAM (i minuscola, please). Era il 2009 e a dieci anni di distanza da quel parto, tanto è cambiato, meno la nostra passione per l’uso personalissimo di minuscole e maiuscole. Siamo cambiati noi, i soci: la giornalista professionista oggi anche europrogettista Iria Cogliani; la giornalista pubblicista oggi anche social media manager Alessia Cotroneo; il comunicatore oggi anche esperto di open data Giuseppe D’Avella; il regista teatrale oggi anche formatore Sasà Neri. Ed è cambiata iTAM, agenzia di comunicazione on web sempre più atipica, con sede a Messina e clienti da Padova a Roma, da Modica a Parma, da Reggio Calabria a Bologna. A sfogliare il nostro portfolio si trova molta strategia, progetti e piani di comunicazione, tanti blog, parecchi uffici stampa, più di recente anche segreterie organizzative, poi social, copy e anche un giornale online (www.straighton.it).

La nostra ultima passione è l’organizzazione di eventi, perché al traguardo del primo compleanno a doppia cifra, soffiando sulla candelina abbiamo capito che comunicare soltanto non ci basta più, soprattutto per il teatro, il nostro primo amore, a cui negli anni abbiamo scelto di affiancare la comunicazione sociale. E quindi proviamo, ancora una volta, a uscire dalla zona di confort che è per noi la comunicazione e a portare a largo la nostra voglia di raccontare declinata anche in produzione di eventi o, come lo chiama Iria, artigianato della mente. Perché a fare sempre le stesse cose, si rischia di rimanere sempre allo stesso punto.

Chi c’è dietro iTAM?

Iria Cogliani #ufficiostampa #progettazione #strategia

Alessia Cotroneo #copy #socialmedia #eventi

Giuseppe D’Avella #blog #community #opendata 

Sasà Neri #formazione #spettacolo #teatro

 

Perché scegliere iTAM?

In un’epoca in cui i messaggi sono tanti, a tratti troppi, sovrapposti e urlati, comunicare semplicemente può voler dire tutto e niente. Qualunque gesto, qualunque messaggio è una forma di comunicazione. Quello che fa la differenza è il come.
Se cerchi un professionista che sia in grado di fornirti un video o una brochure o una pagina Facebook dei tuoi sogni… ma poi c’è sempre il cuggggino, l’amico che su Instagram è seguitissimo o se ti piace pensare che intanto cominciamo e poi vediamo se vale la pena continuare… NO, NON CONTATTARCI, perché sicuramente non otterremo i risultati che cerchi!
Se cerchi una squadra di consulenti che sappia supportarti lungo tutto il percorso della comunicazione, dall’analisi dei bisogni all’elaborazione della strategia, dalla progettazione all’esecuzione delle attività di comunicazione fino al monitoraggio dei risultati (delizia!), allora siamo proprio quello che stavi cercando.

Amiamo confrontarci con il cliente, crescere insieme a lui, trovare soluzioni creative e appassionarci al suo lavoro, raccontarlo nei tempi, nei modi e con il tono di voce più adatto al messaggio e agli obiettivi. Per quanto riguarda i temi, grazie alla fiducia che ci hanno accordato professionisti e opinion leader nazionali, nel corso degli anni ci siamo specializzati in arte, cultura e spettacolo e in comunicazione sociale. Lungo il percorso non sono mancati, però, le attività per ordini professionali e sindacati, la comunicazione d’impresa, la campagna elettorale e chi più ne ha più ne metta. Spaziare non ci spaventa, ma se un progetto non ci appassiona, semplicemente non ce ne occuperemo!