Non solo comunicazione: una questione di responsabilità

Nell’anima di iTAM ci sono molti percorsi che hanno a che fare con la responsabilità sociale. È la seconda coordinata – assieme all’amore per arte cultura e spettacolo e per coloro che di questo vivono – che spiega tante scelte e posizionamenti dell’azienda. E, via via che operavamo per eventi, iniziative, attività connotate da un impegno forte e consapevole per le comunità, abbiamo trovato in noi risorse di idee che non sapevamo di possedere e che abbiamo cercato di mettere a frutto, talvolta riuscendoci e talvolta fallendo.

Quel che è certo è che abbiamo scoperto che l’esperienza di stare al fianco di “aiutare chi aiuta” è un’esperienza travolgente, semplicemente non ti abbandona più. Così nel tempo, andando molto oltre teorie e studi, che pure sono stati e sono fondamentali, abbiamo capito che, in un modo o nell’altro, non intendiamo rinunciare a lavorare in questo ambito, perché è un impegno che ci fa stare (e lavorare) meglio.

Per fare qualche esempio, iTAM ha lavorato per Fondazione di Comunità di Messina, MECC soc.coop. Microcredito per l’economia civile e di comunione, Solidarity & Energy, per il CESV (Centro servizi al volontariato) e per la Caritas di Messina, prima per EANS (European Association of Neurosurgical Societies) e poi per Fondazione Salus Pueri per le due edizioni di Neurochirurgia Familiare a Padova, l’evento di incontro tra associazioni di familiari e chirurghi di fama internazionale, quelle di CantierEducare e Think Big a Parma a supporto di LUdE (Libera Università dell’Educare) e Fondazione Cariparma, gli eventi di Officine della Legalità a Palermo …

Ma se questo è (parte di) ciò che è accaduto finora, c’è dell’altro all’orizzonte. Non appena la situazione della nostra agenzia lo renderà sostenibile, realizzeremo attività pro bono, gratuite e volontarie. È una promessa che abbiamo fatto a noi stessi. E finora abbiamo rispettato tutte le promesse che ci siamo fatti.